Home PageSommario info@loggia-rene-guenon.it

Lettere di congedo
dalla Gran Loggia Italiana Ordine di Antica Osservanza e dal Grande Oriente d'Italia

24 giugno 2013

La R:.L:. René Guénon, all’Or:. di Milano n° 17, all’unanimità ed alla presenza di tutti i FF:., ha deliberato nel corso dell’Agape rituale di San Giovanni Battista del 24 giugno 2013 E:.V:. di ritirare la sua iscrizione alla Gran Loggia Italiana Ordine di Antica Osservanza e di ritenersi da quel momento formalmente ed a tutti gli effetti indipendente da detta obbedienza massonica. I FF:. di L:. tengono a precisare che le motivazioni che hanno portato a tale decisione sono di carattere squisitamente iniziatico e non riguardano il rapporto con la Gran Maestranza o con i membri dell'Obbedienza; i FF:. di L:., al contrario, vogliono ringraziare il G:.M:. e i FF:. tutti per le eccellenti relazioni intrattenute in questi anni di permanenza nella Comunione a cui augurano gioia, prosperità e buona accoglienza.
L.R.G.
 
9 gennaio 2010

«Si comunica con la presente che la R:.L:.René Guénon, all’Or:. di Milano n° 1175, all’unanimità ed alla presenza di tutti i FF:., ha deliberato nel corso dell’Agape rituale di San Giovanni Evangelista del 27 dicembre 2009 E:.V:. e decretato nel corso della tornata rituale del 7 gennaio 2010 E:. V:. di dissociarsi dal Grande Oriente d’Italia e di ritenersi formalmente ed a tutti gli effetti indipendente da detta obbedienza massonica.
Tale decisione si è resa necessaria al fine di consentire alla R:.L:. René Guénon di proseguire i propri Lavori in direzione della restaurazione di una Massoneria autenticamente tradizionale, alla quale le tendenze attualmente veicolate ed alimentate dal Grande Oriente d’Italia si oppongono con sempre maggiore forza e tenacia. Poiché ormai ogni iniziativa animata da tale spirito tradizionale viene non solo osservata con sospetto ed ostilità all’interno del Grande Oriente d’Italia, ma anche impedita e contrastata con azioni dalla matrice inequivocabile ed interventi disciplinari di natura profana, riteniamo necessario ritirare la nostra adesione al Grande Oriente d’Italia per difendere la piena e inalienabile sovranità della Loggia nell’osservanza dei landmarks e nella fedeltà ai Principi tradizionali della Massoneria Universale».
L.R.G.